3 dicembre

Ore 21

Teatro Astra, Torino

4 dicembre

Ore 21

Teatro Sociale, Valenza (AL)

5 dicembre

Ore 21

Officine Teatrale degli Anacoleti, Vercelli – in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo

Compagnia

Uthopia/tra Cielo e Terra

Scritto da

Stefano Massini

regia

Ciro Masella

Con

Annibale Pavone
Ciro Masella

Scena luci e costumi

Silvia Avigo

Suono

Angelo Benedetti

Sito

Stefano Massini, uno dei più grandi e premiati autori del nostro teatro, reduce dai grandi successi e riconoscimenti internazionali, entra nelle pieghe di un capolavoro immortale della letteratura mondiale, il Don Chischiotte di Cervantes, per regalarci una storia sospesa tra realtà e sogno. Un irresistibile duello teatrale fra due figure leggendarie, quella di Don Chisciotte e di Sancho Panza, alle prese con il segreto dell’esistenza e le domande che attanagliano ogni essere umano nel suo misterioso e meraviglioso viaggio sulla terra.

Una notte incantata e arcana. Un sogno che forse è un presagio. L’attesa dell’alba. Il terrore di come occupare una notte che potrebbe essere l’ultima. Irrimediabilmente. Forse le ultime ore si potrebbero riempire litigando. O forse chiarendo chi si è davvero. O forse, ancora, togliendo dalle reciproche scarpe i sassi di un’esistenza fitta di dubbi. E ignorare così il conto alla rovescia di un sole che quando nascerà potrebbe spegnere ogni cosa.

Sospesi fra Beckett e due clown, i nostri due leggendari figuri erranti d’una Spagna inquieta si aprono l’uno all’altro, camminando in bilico sul precipizio della vita. E del suo verdetto.

Stefano Massini è nato a Firenze nel 1975. Ha iniziato la sua attività di autore vincendo nel 2005 il Premio Pier Vittorio Tondelli con L’odore assordante del bianco. Tra i suoi testi di maggiore successo: Processo a Dio, La fine di Shavuoth, Balkan Burger. Di lui Ubulibri ha pubblicato due raccolte di testi: Quadrilogia e Trittico delle gabbie; nonché Donna non rieducabile, una pièce messa in scena in tutto il mondo e incentrata su Anna Politkovskaja. A Massini è stato assegnato il Premio speciale Ubu 2013 per il complesso della sua opera drammaturgica. Di lui Einaudi ha pubblicato Lehman Trilogy (2014) – rappresentata con grande successo al Théâtre du Rond-Point di Parigi e al Piccolo di Milano con la regia di Luca Ronconi – e 7 minuti (2015).

Ciro Masella, diplomato attore presso la Scuola d’Arte Drammatica del CUT di Perugia, inizia a lavorare con Massimo Castri, di cui diviene assistente alla regia e intanto recita, tra gli altri, con Luca Ronconi, Gigi Dall’Aglio, Federico Tiezzi in spettacoli per il Teatro Stabile dell’Umbria, il Piccolo di Milano, il Teatro di Roma, Emilia Romagna Teatro, il Teatro Stabile Metastasio di Prato, il CSS di Udine, il Teatro Due di Parma, la Compagnia Magazzini di Firenze, con nomi quali Annamaria Guarnirei e Roberto Herlitzka. Dirige nella stagione 2002/2003, per la coproduzione della Compagnia Lombardi Tiezzi e di Armunia Festival Costa degli etruschi, Schegge di AMLETO. Fonda e dirige dal 2003 il festival Tra Cielo e Terra

Annibale Pavone Dopo il diploma alla Bottega Teatrale di Firenze diretta da Vittorio Gasmann, inizia a lavorare con Walter Pagliaro, Giancarlo Cobelli, Federico Tiezzi, Mariano Rigillo, Ninni Bruschetta, Giampiero Cicciò. Ma per la sua carriera è fondamentale il sodalizio che lo lega al regista Antonio Latella con il quale da quasi vent’anni condivide un percorso professionale rivelatosi tra i più innovativi per il teatro italiano contemporaneo.