L’Osservatorio Giovani di Concentrica nasce con l’obiettivo di formare nuovo pubblico, rendendolo consapevole, critico e partecipativo.

Due nuovi soggetti collaborano nell’edizione di quest’anno: YC4D – Youngest Critics For Dance, progetto di avvicinamento alla danza contemporanea rivolto alle scuole secondarie superiori da un’idea di Mosaico Danza e della rivista on line Krapp’s Last Post che si struttura con Concentrica attraverso incontri tra i ragazzi e i performer per la realizzazione guidata di recensioni degli spettacoli; la collaborazione con la Scuola Holden di Torino crea un ponte di collegamento e di riflessione tra le arti della scrittura e della scena volto a fornire al giovane pubblico gli strumenti adeguati per la comprensione dei nuovi linguaggi performativi.

Youngest Critics For Dance


Un progetto che cresce e coinvolge sempre più realtà sul territorio. E’ questo il motore “Youngest Critics for Dance” (YC4D). Scopo dell’iniziativa, proposta dall’associazione culturale Winnie & Krapp, in collaborazione con l’associazione culturale Mosaico Danza e altre importanti realtà torinesi, è stata fin dal principio offrire ai ragazzi una nuova opportunità di incontro e confronto con l’arte della danza contemporanea attraverso la scrittura per il web. Partito come progetto-pilota nel 2013 in occasione del festival di danza contemporanea Interplay,organizzato da Mosaico Danza e diretto da Natalia Casorati, “Youngest Critics for Dance” si presenta come un progetto innovativo sia nel settore delle arti performative, sia rispetto all’ambito educativo e alle proposte didattiche tradizionalmente previste per l’età scolare, puntando ad avvicinare i ragazzi:

− al linguaggio della danza contemporanea, accompagnandoli ‘fisicamente’ a teatro per scoprire un’arte della scena a loro spesso sconosciuta;
– all’analisi dell’evento, sviluppando un occhio attento e critico, per una futura autonomia di fruizione in ambito artistico;
− alla sua comunicazione sul web: critica, giornalistica ma anche ‘personale’, affinché nella trasmissione di tecniche di scrittura non si dimentichi l’importanza di condividere soggettivamente un’esperienza come l’evento artistico;
− ad un utilizzo più consapevole e professionale dei nuovi mezzi di comunicazione (social network, video…).
Il percorso prevede una copertura per gli studenti di un intero anno scolastico/accademico, partendo da ottobre per concludersi a luglio. Un percorso quindi articolato e continuativo, che non mira a presentarsi come un “evento-spot”, bensì a creare molteplici occasioni di incontro e riflessione, il tutto grazie alla collaborazione e al supporto della redazione della testata giornalistica online Krapp’s Last Post (www.klpteatro.it), quotidiano della scena contemporanea italiana e non solo, di cui l’associazione Winnie & Krapp è editore da undici anni.

Scuola Holden                                                                                                                                  

La scuola Holden è nata a Torino nel 1994 in una palazzina Liberty a pochi passi dal Parco del Valentino. Uno dei fondatori è Alessandro Baricco, attuale preside. L’ 8 ottobre 2013 si trasferisce negli oltre 4000 metri quadri dell’ ex caserma Cavalli, un ex ospedale militare in concessione comunale per 30 anni, con un’operazione unica di collaborazione tra pubblico e privato: Effe2005-Gruppo, Feltrinelli, Eataly media e l’imprenditore Andrea Guerra. In 20 anni di esperienza la Scuola Holden è riuscita a sviluppare un percorso di studi inedito per obiettivi, contenuti e metodi didattici . Il biennio di storytelling and performing arts è fondato su sei percorsi di studio che abbiamo chiamato College: Cinema, Digital, Reporting, Serialità, Televisioni e Scrivere. Ogni anno vengono ammessi 30 ragazzi tra i 18 e i 30 anni, italiani e stranieri.  Esistono inoltre i workshop della Palestra la sera e nel weekend Holden over 30, le lezioni online di Classi-fy e le Milton Class, Prima Stesura, Training  Camp e i corsi in giro per l’Italia. La Holden è anche un centro di produzione culturale: collabora con librerie, editori, teatri e scuole ed eventi. H Factory è la fabbrica dei progetti narrativi: Corporate Storytelling si occupa di formazione per le aziende, mentre Produzioni è un laboratorio per pubblicare libri o portare serie tv in teatro.

Dal 2008 la Scuola Holden è membro attivo dello European Association of Creative Writing Programmes (EACWP), per la circolazione delle idee e l’ideazione progetti di scrittura creativa in tutta Europa.